sabato 21 aprile 2012

il gigante e la Montagna



Con un incontro bello e partecipato il gruppo toscano della rete ha inaugurato il primo nucleo provinciale della rivoluzione gentile.
Ora possiamo metterci al lavoro e in attesa della prossima scadenza elettorale vogliamo presentare la proposta delle donne della lista SEL SORRIDI CARRARA
una proposta che ci auguriamo venga sottoscritta da altre donne dell'area di sinistra presenti all'incontro

UN  PROGETTO PER CARRARA
UN PROGETTO PER LA GENTE

L'amministrazione comunale presediuta da Angelo Zubbani ha riconsegnato alla città spazi storici importanti, luoghi emblema di una città ricca di arte e di storia.
Il centro storico chiuso al traffico delle auto  è  pronto ad accogliere iniziative di vario genere: è pronto per essere animato dai cittadini e dalle cittadine, è ora di pensare ad una città intessuta di relazioni,ad una città vitale!   Possiamo ora osare e crescere intorno ad una visione nuova,
NOI DONNE VOGLIAMO ESSERCI

Da tempo molte donne ed anche molti giovani chiedono spazi, luoghi di aggregazione e di incontro:

Nei prossimi mesi lavoreremo affinchè vengano censiti tutti gli spazi dell'area del centro storico, fondi commerciali e non, potenzialmente disponibili ad essere occupati da laboratori artigianali, atelier di scultura ed arte, botteghe enogastronomiche, luoghi per la musica.
PENSIAMO alla piazza delle erbe e dei mestieri, ai vicoli dell'arte,alle piazze-agorà  dove ospitare esposizioni e mostre di artigianato d'eccellenza IN AREE CABLATE.

NOI SIAMO PER LA “BELLA POLITICA” E QUESTO E' IL TEMPO DI PROGETTARE

Le esperienze e le abilità di cui noi donne disponiamo, insieme ai nostri specifici talenti, costituiscono un patrimonio dei quali questa città non può piu' privarsi.
IL nucleo carrarese della rivoluzione gentile, lavorerà fin d'ora insieme perchè questa città possa ispirarsi all'esperienza ed alla autorevolezza che deriva dal sapere delle donne, e si ripropone di presentare alla prossima amministrazione un progetto dettagliato, UNA RICHIESTA CHIARA E CIRCONSTANZIATA PER DEFINIRE SPAZI E PER  STRUTTURARE proposte di utilizzo DESTINATE   a donne e giovani.

Ancora come rivoluzione gentile vogliamo imprimere energia e pensiero ad una politica spesso sorda ad ogni innovazione ed essere noi portatrici di legalità, giustizia e laicità,
 PROPONIAMO
L'approvazione di mozioni a favore di:
istruzione per i bambini disabili
omofobia,
unioni civili,
biotestamento

Come nucleo carrarese della rivoluzione gentile  CHIEDIAMO che i “tempi” di vita di questa città vengano esaminati e discussi con le donne.  CHIEDIAMO che vengano individuate anche su nostra segnalazione, le criticità sui servizi, l'inadeguatezza dei servizi scolastici, le necessità di conciliazione dei tempi delle donne lavoratrici.
Non crediamo di essere pessimiste  nel  pensare che la drammaticità di questa crisi abbia per le donne un  ulteriore grave risvolto,e chiediamo pertanto un'attenzione ed una sensibilità particolare, per le donne che hanno perso il lavoro ed anche per quelle costrette ad un part time lavorativo per accudire membri della famiglia anziani o malati. Le donne piu' degli uomini avvertono l'esigenza e il desiderio di una organizzazione del lavoro circolare, collaborativa,conciliabile con i ritmi di vita propri di un'esistenza pienamente vissuta nei suoi molteplici aspetti

Lavoremo infine in rete e collegamento con altre donne in difesa della natura, noi che chiamiamo madre la terra chiederemo che ad essa venga rivolto il rispetto che si deve alle madri. Proteggere le Alpi Apuane è un dovere di tutte e tutti e noi lo faremo coordinando azioni con le donne delle terre-mutate dell'Aquila e con le madri della Val Susa.

Ora piu' che mai pensiamo che la politica debba nutrirsi di desideri, alimentarsi con l'azione, vivere nelle relazioni, produrre ben -essere.

A CHI CI DICE CHE E' SOLO UTOPIA NOI DICIAMO, IL REALISMO INVECE DOVE CI HA PORTATO??

Come alchimiste lavoreremo per trasformare la delusione,la rabbia, il dolore e la rassegnazione   in energia nuova, per ridare dignità e valore ad una politica sorda e arrogante.
 
Socialità e solidarietà , parole di un vocabolario che vorremmo ritornassero attuali e delle quali noi donne ne abbiamo da sempre compreso il significato piu' autentico.

Per tutto questo noi vogliamo esserci, là dove si decide, nei luoghi della politica  per fare la differenza, per essere portatrici di nuova forza.

QUESTO E' IL SENSO AUTENTICO DI QUELLA CHE  NOI CHIAMIAMO LA RIVOLUZIONE GENTILE DELLE DONNE

giovedì 19 aprile 2012

mercoledì 18 aprile 2012

IL 21 DI APRILE A PRIMAVERA





IL 21 A PRIMAVERA


La rivoluzione gentile delle donne  sbarca a Carrara

Il 21 Aprile alle 17.30 presso la libreria “Nuova avventura” a Carrara in piazza Garibaldi, nascerà il nucleo carrarese della rete delle donne per la rivoluzione gentile, il movimento nato in Puglia in occasione delle primarie a sostegno di Nichi Vendola.
Il movimento ha tenuto la sua prima assemblea all’Aquila lo scorso novembre e raggruppa attualmente numerosissime donne appartenenti all’area della sinistra.

Nell’incontro verrà presentato il manifesto della rivoluzione gentile e saranno raccolte le adesioni al nucleo carrarese.
Parteciperanno all’incontro la coordinatrice del gruppo toscano della rete e candidata nella lista Sel sorridi Carrara Anna Gloria Di Bono, la scrittrice e giornalista Lidia Castellani in rappresentanza del comitato promotore di “50 e 50 lettera ai partiti – il voto delle donne” e l'avvocato Patrizia Conti candidata nella lista PD.







giovedì 12 aprile 2012

SABATO 21 APRILE  A CARRARA ORE 17.30
Libreria Nuova Avventura in Piazza Garibaldi

Il gruppo toscano della rete delle donne per la rivoluzione gentile organizza un dibattito su:
LETTERA AI PARTITI - IL VOTO DELLE DONNE -
per il comitato promotore della petizione 50% interverranno  la scrittrice Lidia Castellani, e l'avvocato Patrizia Conti.
modera l'incontro Anna Gloria Di Bono 
 coordinatrice del gruppo toscano della rete per la rivoluzione gentile  e
candidata nella lista SEL sorridi Carrara alle elezioni amministrative del 6/7 Maggio a Carrara.
In occasione dell'incontro verranno raccolte firme di adesione alla petizione

sabato 25 febbraio 2012

UNA INVASIONE DI CIVILTA’
maratona dei diritti per una Italia sempre più europea
La strada che dovrebbe portare al raggiungimento di diritti per tutti nel nostro Paese si sta facendo sempre piu impervia: la crisi economica, le difficoltà lavorative fanno si che nel pubblico dibattito siano quasi completamente scomparsi i temi riguardanti il fine vita, il diritto di ogni cittadino a vedere riconosciuto il proprio nucleo familiare, la lotta contro la discriminazione causata da un diverso orientamento sessuale.
Ma veramente, pur essendo in un momento cosi drammatico, non è possibile fare niente per provare a risolvere i problemi di tante persone?  A volte basta solo un piccolo sforzo ed aver voglia di rivolgere il nostro sguardo verso gli altri.
Ci sono tre piccoli passi, che potremmo compiere insieme.
Tre piccoli passi che consentirebbero al nostro Paese di rispettare le direttive europee e mettersi alla pari con i paesi europei più avanzati. Tre piccoli passi che consentirebbero a tutti i cittadini di veder riconosciuta la propria dignità ed i propri affetti, nel corso della vita,  anche nel momento che una grave malattia metta in pericolo la facoltà di autodeterminazione.
Per compierli bastano tre atti amministrativi.
Per ulteriori informazioni scrivere a laicitaediritti@ gmail.com 
Il gruppo Toscano aderisce all'iniziativa e alla nuova campagna della associazione  laicità e diritti insieme al gruppo di lavoro che nell'assemblea nazionale all'Aquila dette la sua adesione al manifesto di laicità e diritti.

giovedì 17 novembre 2011

la rete sottoscrive il Manifesto di laicità e diritti


In occasione delle tre giornate all'Aquila il gruppo di lavoro: Giustizia, laicità e legalità, dopo averne discusso i vari punti, ha sottoscritto a nome della rete delle donne per la rivoluzione gentile, il manifesto dell'associazione "Laicità e diritti".
Un ampio dibattito tra tutte le componenti del gruppo di lavoro, a conclusione del quale è stato presentato un documento alla condivisione dell'assemblea.
istruzione per i bambini disabili, omofobia, unioni civili, biotestamento, temi sui quali la rete ed il gruppo toscano intende impegnarsi nei prossimi mesi.